Riflessioni Sistemiche

Fare click sull'immagine della copertina per visualizzare la rivista completa

Giorgio Narducci e Sergio Boria - Prefazione - pag. 3 - Indice - pp. 4 -5

Marco Bianciardi - Centralità della relazione in psicoterapia, pp. 6 – 19

Giordano Bruno - La complessità è morta, viva la complessità, pp. 20 – 28

Luigi Catzola - Riflessioni ai “margini della vita”, pp. 29 – 38

Carla De Benedictis - Dall’allevamento intensivo alla visita sistemica. Racconto di un lungo percorso di cambiamento all’interno della professione veterinaria, pp. 39 – 55

Francesco Farina - La lunga via dal pensiero sistematico al pensiero sistemico, pp. 56 – 67

Valeria Fassi - L’approccio sistemico e la mia vita professionale, pp. 68 – 77

Silvia Luraschi - Muovermi in un multicolore universo di storie, pp. 78 – 87

Mario Marino - Il mio tempo ritrovato per connettere mondi, pp. 88 – 100

Silvia Montevecchi - La pedagogia dell’effetto farfalla, pp. 101 – 114

Raffaele R. Pepe - Dall’essere medico a diventare pensionato e consigliere comunale: cambiamento o continuità; un tentativo di lettura sistemica, pp. 115 – 130

Rosanna Pizzo - Dai testi leggibili ai testi scrivibili: l’epistemologia sistemica dalla mimesis alla poiesis, pp. 131 – 143

Tiziano Scarponi – Una pensione non quiescente, pp. 144 – 150

Prefazione

In un periodo storico in cui sono comunemente utilizzate parole come “sistema” o “complessità”, seppur spesso in modo incongruo o superficiale, e in cui si afferma l’importanza di valori come quello della “comunità” e della “partecipazione”, a fronte di incipienti processi di frammentazione sociale (qui il pensiero va alla società liquida di Baumann), la Redazione della rivista on line Riflessioni Sistemiche ha pensato di raccogliere con questa monografia una serie di narrazioni e considerazioni teoriche proposte da alcuni Soci Ordinari dell’Associazione Italiana di Epistemologia e Metodologia Sistemiche (AIEMS), tutti contributi dotati di una forte connotazione autobiografica.

Ciascun autore ed autrice racconta la storia di come ha fatto proprio, e ha poi sviluppato, l’approccio sistemico, soffermandosi su quelle che sono alcune delle questioni di carattere teorico e pratico con cui è attualmente alle prese. In qualche saggio chi scrive racconta anche del ruolo che nel proprio percorso di ricerca ha avuto la partecipazione alla vita dell’AIEMS, facendo riferimento alle molte attività culturali messe in campo dall’Associazione in questi anni.

In sostanza questa monografia si muove su due diversi livelli. Da una parte rappresenta un’opera corale realizzata attraverso la partecipazione di dodici Soci AIEMS, che dà la possibilità di stringere le maglie della conoscenza reciproca fra soci, approfondendola ed aggiornandola, mentre da un’altra parte vuole contribuire a diffondere una visione sfaccettata dell’approccio sistemico e di “complessità”.

I Soci che hanno dato il loro contributo provengono da ambiti disciplinari diversi, come ad esempio quello pedagogico (Francesco Farina, Silvia Luraschi, e Silvia Montevecchi), quello della scienza dei sistemi (Giordano Bruno e Luigi Catzola), quello sanitario (Raffaele Pepe e Tiziano Scarponi), quello delle scienze veterinarie (Mario Marino e Carla de Benedictis), quello psicologico (Marco Bianciardi e Valeria Fassi) e quello sociologico (Rosanna Pizzo). Ciononostante condividono una comune epistemologia, e cioè quella sistemica, secondo la quale, come direbbe Gregory Bateson, “prima viene la relazione”. Si tratta quindi di professionisti e studiosi allenati alla interdisciplinarità, e cioè a cogliere le somiglianze e le differenze fra i processi oggetto di studio nel proprio campo disciplinare e quelli osservabili in altri campi.

Detto questo, l’augurio della Redazione è che questa monografia rappresenti, in sostanza, un’occasione di connessione sia tra le diverse esperienze e vite dei Soci AIEMS, sia fra i diversi ambiti di studio normalmente tenuti separati, sia infine fra il lettore e l’approccio sistemico alla conoscenza e alla vita. Un approccio che in tempi di profonde crisi sociali ed ambientali appare tanto più attuale e necessario.

Infine, ringraziamo tutti gli autori che hanno contribuito in maniera appassionata alla realizzazione di questa raccolta di scritti, così come anche Donatella Amatucci che si è presa cura della traduzione dall’italiano in inglese di alcuni Sommari, e Giuseppe Conte che ha supervisionato gli aspetti tecnici della pubblicazione presso il website dell’AIEMS (www.aiems.eu).

Sergio Boria, Giorgio Narducci e la Redazione